Top
Criticità e governo settore Idrico - Smart Meter e comunicazione dati - Energia Media
fade
6299
single,single-post,postid-6299,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Criticità e governo settore Idrico – Smart Meter e comunicazione dati

31-maggio-001

Criticità e governo settore Idrico – Smart Meter e comunicazione dati

H-FARM Roncade / Treviso – 31 maggio 2017

 

Settore idrico. Criticità, opportunità e governance

Il punto della situazione su infrastrutture, sanzioni e “possibilità” d’innovazione

Mattina 

Il sistema idrico in Italia oscilla fra spinte modernizzatrici, profonde trasformazioni sul piano regolatorio e antiche e irrisolte criticità.
I problemi più gravi e urgenti riguardano il mancato ammodernamento delle infrastrutture di rete, la costruzione di depuratori, il collettamento: la solo dispersione di risorsa idrica raggiunge una media del 38% (ISTAT 2017). Carenze strutturali e mancati adeguamenti contribuiscono all’apertura di sempre nuove infrazioni da parte delle autorità di Bruxelles nei confronti del nostro Paese.

Il settore necessita sia di ingenti investimenti che vengono quantificati in oltre 65 miliardi di euro nei prossimi trenta anni, sia di una governance chiara, come già oggi avviene grazie all’approvazione di norme atte a favorire le aggregazioni fra i gestori.

Una risposta ai problemi può giungere dall’uso di tecnologie innovative come, e in particolare, un sistema di misura affidabile, in grado di efficientare i processi di gestione e pianificazione delle attività.
Spesso si assiste a un duplice approccio, da un lato quello “riduzionista” di chi vuole ridimensionare o sdrammatizzare le criticità, dall’altro quello eccessivamente “allarmista” o “catastrofista”. Il momento è delicato e la presa di coscienza delle problematiche (e delle possibili soluzioni) diviene fondamentale per mettere in atto quella strategia complessiva necessaria allo sviluppo armonico del sistema idrico.

 

AEEGSI – Smart meter e sviluppo di un sistema di comunicazione dei dati relativi alle utenze domestiche. Tavola rotonda

Pomeriggio

Recentemente l’AEEGSI ha prodotto un interessante documento (doc. 211/217/I/com, Memoria del 30 marzo 2017) contenente le principali considerazioni dell’Autorità sul quadro complessivo relativo alla rilevazione dei dati di consumo e alla conseguente disponibilità degli stessi; tutto questo relativamente alle utenze domestiche,  con riferimento ai settori del gas naturale e idrico, considerando sia gli attuali vincoli tecnologici che le possibili evoluzioni in materia di misurazione, derivanti dalla stessa innovazione.

Inoltre, l’AEEG ha prodotto una delibera (289/2017/R/eel, del 28 aprile 2017) inerente le soluzioni tecnologiche standardizzate a supporto delle funzionalità incrementali (versione 2.1) dei sistemi di smart metering di energia elettrica in bassa tensione (2G=seconda generazione). Entrambi i documenti rappresentano un punto di partenza per discutere, ragionare e confrontarsi sulle tematiche tecniche e sulle implicazioni industriali del settore smart metering.

L’appuntamento, organizzato da Energia Media in collaborazione con lo Smart Metering Group Anie CSI, diventa pertanto una preziosa occasione per approfondire le tematiche tecniche più attuali e per fare il punto sullo stato dell’arte dello smart metering nei relativi settori.

 

Programma 

 

Per iscriversi all’evento, compila il seguente form:

Comments or questions are welcome.

* indicates required field


 

Print Friendly
Energia Media