Top
Da Smart city a Smart community - Energia Media
fade
4082
post-template-default,single,single-post,postid-4082,single-format-standard,eltd-core-1.0,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Da Smart city a Smart community

Da Smart city a Smart community

Assistiamo sempre più alla disumanizzazione dei rapporti fra le persone.
Ognuno di noi, secondo recenti studi, consulta lo schermo del proprio smartphone fra le 150 e le 220 volte al giorno. Le parole digitate si stanno sempre più sostituendo ai rapporti umani reali.
Siamo dunque destinati ad essere sempre più e sempre più soltanto schiavi di una tecnologia che, pensata per aiutare e rendere più felice la vita, rischia piuttosto di renderci lontani dalla realtà? Non possiamo negare che oggi questo sia un rischio.
Un rischio evidente anche sul piano della partecipazione democratica: ai grandi, grandissimi numeri dei social network, “luoghi” nei quali la partecipazione rischia di essere un esercizio puramente virtuale, corrisponde una sempre maggiore disaffezione alla vita politica e amministrativa delle nostre comunità, di cui l’astensione dal voto è la parte più evidente.
Gli amministratori pubblici hanno quindi un grande compito che, non paradossalmente, deve vederli accanto ed alleati con coloro che la tecnologia conoscono e promuovono, perché non è certo questo il momento di chiuderci in anacronistici appelli al “ritorno al passato” né di demonizzare la tecnologia in quanto tale.
Dobbiamo sempre più creare e promuovere strumenti di conoscenza facilmente accessibili, che siano strumenti di condivisione e circolazione delle idee e quindi di controllo e partecipazione vera.
Appare piuttosto urgente e necessario, e in questa direzione si muove questo ebook, che quel percorso già avviato dal movimento delle “Smart city” diventi percorso condiviso e diffuso, prima di tutto come movimento culturale, per il recupero di una dimensione “strumentale” delle nuove tecnologie e perché attraverso di esso si sviluppi un nuovo senso di comunità: una comunità intelligente perché partecipata e partecipata perché intelligente.

 

21 settembre 2015

Print Friendly, PDF & Email
Leoluca Orlando

Sindaco della città metropolitana di Palermo