Top
Il settore energetico copre il 15% dei consumi idrici mondiali - Energia Media
fade
3922
post-template-default,single,single-post,postid-3922,single-format-standard,eltd-core-1.0,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Il settore energetico copre il 15% dei consumi idrici mondiali

Il settore energetico copre il 15% dei consumi idrici mondiali

In vista della Giornata Mondiale dell’Acqua, fissata per il prossimo 22 marzo, l’IEA- International Energy Agency, dichiara che il 15% del consumo mondale di acqua è coperto dal settore energetico ed è una cifra destinata a crescere.

Ad attestare questo fenomeno ci sono i dati raccolti nel capitolo dedicato all’acqua del World Energy Outlook 2012 (WEO-2012): “Water for energy: Is energy becoming a thirstier resource?” dal quale emerge che i prelievi di acqua utilizzati per produrre energia nel 2010 sono stati stimati pari a 583 miliardi di metri cubi, e che nel 2035 questi raggiungeranno il 20% rispetto ai consumi mondiali.

 

 

La crescita prevista considera la quantità di acqua necessaria per la generazione di energia elettrica, per l’estrazione e il trasporto di combustibili fossili, per l’irrigazione di colture poi trasformate in biocarburanti e anche la costruzione di impianti di generazione elettrica di potenza superiore e i raffreddamento più efficienti, che riducono i prelievi ma che aumentano i consumi per unità di elettricità prodotta.

A preoccupare però è che se nel 2010 della quantità d’acqua prelavata ne sono stati irreversibilmente consumati – cioè non sono ritornati alla fonte – 66 miliardi di metri cubi, nel 2035 la percentuale di acqua che andrà perduta sul totale prelevato sarà dell’85%.

A questo si aggiungono i cambiamenti climatici in atto e il pronostico che aumenteranno le aree del mondo in cui l’accesso alle risorse idriche verrà contingentato.
La prospettiva è allarmante.

Poiché l’acqua è un bene primario e che la domanda è in continua crescita, la sfida a cui sono chiamati i Governi mondiali, ha dichiarato Maria van der Hoeven direttrice esecutivo dell’IEA è “trovare un sistema per cui l’uso delle risorse idriche da parte di qualcuno non ne limiti l’accesso ad altri”.

20 marzo 2014

Print Friendly, PDF & Email
Marta Mazzanti