Top
Italia: più smart city o smart land? Il caso di Pegognaga, Mantova - Energia Media
fade
6410
single,single-post,postid-6410,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Italia: più smart city o smart land? Il caso di Pegognaga, Mantova

shutterstock_338225402-copia

Italia: più smart city o smart land? Il caso di Pegognaga, Mantova

Il concetto di “smart city” ha proposto un paradigma di sviluppo in grado di ridisegnare e ripensare la vita nei grandi centri urbani dell’era post-industriale. Tecnologia, innovazione, digitalizzazione, servizi a valore aggiunto e, con il passare del tempo, dimensione sociale. La “città del futuro” si configura come il luogo dove realizzare un’armonica e funzionale convergenza tra sviluppo economico, benessere e socialità. Un paradigma valido per grandi metropoli o megalopoli ma non sempre adatto e che non considera un elemento chiave nello sviluppo economico e sociale italiano: il territorio e la distribuzione dei centri urbani su di esso.

 

I dati ISTAT sulle dimensioni demografiche e territoriali confermano l’immagine di un Paese composto costellato da tante realtà, popolate da un basso numero di abitanti.

Ne citiamo alcuni: il 70% dei comuni ha, infatti, una popolazione pari o inferiore ai 5 mila abitanti, tra questi, i comuni di piccolissime e piccole dimensioni (cioè fino a 20 km2) sono i più numerosi, 3.756 pari al 46,6% del totale. Non solo, il 67,9% di essi rientra in quella che viene denominata “classe di bassa urbanizzazione”, ovvero aree prevalentemente rurali, dove su una superficie del 72,5% si localizza una popolazione pari al 24,2%. Infine, dato molto significativo, sono solo 12 le città italiane a superare i 250mila abitanti. Benché la ricerca di una smartness urbana rimanga un tema importante, è opportuno considerare un altro paradigma o un modello il più possibile aderente al realtà italiana.

 

Continua a leggere: sfoglia e scarica l’articolo

Print Friendly
Alessandro Seregni