Top
L’acqua in Lombardia fra“domanda” e “offerta” - Energia Media
fade
6963
single,single-post,postid-6963,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

L’acqua in Lombardia fra“domanda” e “offerta”

shutterstock_520199857

L’acqua in Lombardia fra“domanda” e “offerta”

Fiumi, corsi d’acqua, laghi, fonti di montagna, falde. La Lombardia è un territorio ricco di acqua. I numeri parlano di 155miliardi di metri cubi all’anno concessi, che equivalgono a 5 milioni di litri al secondo e che corrispondono a 5 volte l’afflusso meteorico annuo. è però da considerare che il 75% della portata concessa (pari a 115 milioni di metri cubi), è un «uso non consumo», si tratta cioè degli utilizzi che restituiscono l’acqua usata alle stesse caratteristiche: si tratta di concessioni idroelettriche e per raffreddamento. I restanti 40 miliardi di mc/annui riguardano invece gli “usi consumi”, e si tratta di utilizzi che modificano la qualità dell’acqua ed in parte la depauperano.
Tuttavia, questa ricchezza di acqua non rappresenta un valore assoluto, in sé […]

 
Continua a leggere: sfoglia e scarica il Focus

Print Friendly
Viviane Iacone

Responsabile Pianificazione tutela e riqualificazione risorse idriche, Regione Lombardia