Top
Nuovi spazi fisici e culturali per il futuro della città aumentata - Energia Media
fade
6719
single,single-post,postid-6719,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow child-child-ver-1.0.0,flow-ver-1.3,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Nuovi spazi fisici e culturali per il futuro della città aumentata

shutterstock_383230015

Nuovi spazi fisici e culturali per il futuro della città aumentata

Il termine “antropocene” – creato dal biologo Eugene Stoermer e diffuso e ampliato nel suo significato dal premio Nobel per la chimica Paul Crutzen – indica l’epoca geologica in cui viviamo, un’era in cui l’ambiente terrestre, nelle sue caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, è fortemente condizionato dagli effetti dell’azione umana. L’impatto di per sé forte che l’uomo – fin dalla sua comparsa – ha prodotto sugli ecosistemi naturali è aumentato in seguito alla crescita esponenziale della popolazione mondiale registrata nell’ultimo secolo e, in special modo negli ultimi sessanta anni […]

 

Continua leggere: sfoglia e scarica l’articolo

 

Print Friendly
Maurizio Carta

Professore ordinario di Urbanistica e Pianificazione territoriale, Università degli Studi di Palermo