Top
Tempelhofer Feld, Palermo - Energia Media
fade
4094
post-template-default,single,single-post,postid-4094,single-format-standard,eltd-core-1.0,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Tempelhofer Feld, Palermo

Tempelhofer Feld, Palermo

Il 25 maggio del 2014 fu proposto ai berlinesi un referendum in cui si chiedeva di salvare dal business immobiliare il Tempelhofer Feld, ex aeroporto di Berlino Ovest. Oggi questo spazio di 300 ettari – superiore per esempio a Central Park – è diventato il cuore della vita sociale della città. Installazioni d’arte, orti biologici, fiere, sfilate, concerti; frequentato da tutti, studenti, artisti, agricoltori, manager. Una realtà nata dal basso, grazie all’impegno prima di chi ha bloccato i lavori di nuove case raccogliendo 220.000 firme e poi grazie a un progetto scritto da professionisti di tutte le età che hanno voluto partecipare attivamente mettendoci competenze, creatività, impegno. Biker, runner, skater e windsurfisti spinti dal vento del nord sul cemento delle ex piste; e uccelli rari in via d’estinzione che qui hanno travato nuovo habitat. E poi lo spazio per pioneer projects come gli orti comunitari, e modalità diverse per creare relazioni col territorio. Un luogo gestito dal Grün Berlin sotto la tutela di Tempelhof Projekt (coordinati dal dipartimento del Senato per lo sviluppo urbano).
Il futuro di questo posto, con i temi da sviluppare, verrà di continuo discusso con gli abitanti; uno spazio che si muove e trasforma ogni giorno, mosso da creatività ma con una governance, fatta anche di partecipazione e responsabilità civile.
Non stiamo parlando di un altro mondo, ma di un mondo possibile anche a Palermo, Napoli, Milano o Bolzano.
A Palermo, dalle vie del centro fino alla Zisa e ancora oltre verso Mondello la scoperta di nuovi spazi da riqualificare e di cui occuparci è continua. La Fiera per esempio.
Ne abbiamo parlato per ore nei tre giorni e tre notti del 27-28-29 novembre 2014 all’interno di SmART City Italia, il progetto itinerante nato a Palermo che dal 2015 toccherà altre città tornando poi a Palermo a fine anno.
Se l’ART vuole essere il coinvolgimento emotivo di tutte le parti in causa, il termine Smart richiama l’intelligenza che produce in ogni momento soluzioni, tecnologie, strade di sviluppo da poter esprimere soprattutto nelle City, l’ambito che sempre più raccoglierà la popolazione del pianeta. E poi la parola Italia, quella in grado di evocare ancora bellezza, capacità del fare, e umanità.
Da Berlino a Palermo ci passano culture, orizzonti e colori diversi. Ma rimane come sottofondo culturale e civile che vale per tutti, una presa di responsabilità e un desiderio di vivere meglio, che passano dall’impegno di ognuno, sia berlinese o palermitano.

 

19 ottobre 2015

Print Friendly, PDF & Email
Emanuele Martinelli

CEO e fondatore di Energia Media